Menu
Cerca

Roboable

Roboable

12/01/2017 - Articoli, Notizie

Nao e autismo, articolo di Forbes "How Robots Could Improve Social Skills In Kids With Autism"

Nao e autismo, articolo di Forbes "How Robots Could Improve Social Skills In Kids With Autism"
Tempo di lettura Tempo di lettura: 2 minuti

Ecco un articolo su Nao e autismo pubblicato da Forbes tradotto e commentato dallo staff di Scuola di Robotica.

Gli individui affetti dal disturbo dello spettro autistico spesso hanno difficoltà a comunicare con gli altri. Essi possono distogliere lo sguardo quando qualcuno sta parlando con loro, o reagire con una risata di fronte ad una situazione critica. Questi bambini hanno spesso problemi con il controllo motorio, l'attenzione degli occhi, lo sguardo e le espressioni facciali e, in giovane età, questi deficit possono portare ad altri deficit sociali, come il ritardo nello sviluppo della cognizione sociale. Per migliorare queste importanti competenze sociali, i ricercatori dell'Università di Denver stanno studiando come i robot possono aiutare i bambini autistici ad avere interazioni umane più semplici. Un team al Daniel Felix Ritchie School of Engineering and Computer Science sta conducendo uno studio con NAO, il famoso robot umanoide di cui vi abbiamo già parlato nell’intervista a Daniele Lombardo che potrete trovare qui.

Allora perché usare i robot e non le persone? I ricercatori ritengono che i robot abbiano più facilità nel scatenare le reazioni sociali dei bambini autistici e che riescano in questo compito in maniera più efficace di quanto possano fare le persone.

Inoltre essendo considerati come giocattoli dai bambini risultano essere più "coinvolgenti" rispetto agli esseri umani.

Mohammad Mahoor, professore associato di ingegneria elettrica e informatica, in un intervista ha dichiarato "Il nostro robot assomiglia molto ad un essere umano, ma non dispone di tutte le caratteristiche che possiede una persona perché il robot è più semplice. Essi possono concentrarsi su un aspetto sociale della comunicazione alla volta " anche se, come riporta sempre il professor Lombardo durante la nostra intervista, a Scuola di robotica riteniamo che sia Milo il robot che più assomiglia all’uomo.

Questo perché NAO può essere personalizzato per avere una gamma illimitata di gesti e comportamenti ed è dotato di quattro microfoni e due telecamere per registrare i dati essenziali su ciascun partecipante allo studio, compresa la durata e la frequenza dello sguardo diretto dalla persona e la gamma di espressioni e, infine, quando i partecipanti completano un compito con successo, NAO li premia con un celebrativo “cinque”.

"Abbiamo visto che i bambini autistici in realtà amano interagire con i robot. In un primo momento c'è un po 'di una sorpresa, ma poi alla fine si vede un grande legame tra i bambini e i robot ", continua poi il professor Mahoor.
Mahoor e il suo team di ricerca interdisciplinare hanno costruito due scenari per l'interazione “face to face” con NAO per insegnare ai partecipanti come replicare il comportamento sociale umano. Uno dei giochi utilizza diversi piccoli pouf, che hanno ciascuno una foto di una persona che dimostra una diversa manifestazione emozionale, come la felicità, tristezza o rabbia. NAO chiede al partecipante di trovare il giocattolo con una certa espressione e mostrarglielo.
Le risposte dei partecipanti ai giochi vengono poi analizzati dai ricercatori e comparati. In questo momento, NAO è controllato a distanza da un membro del team di ricerca ma, alla fine, Mahoor vorrebbe avere un robot completamente automatico che potrebbe facilitare le sessioni di gioco.

Durante il “2014 International Meeting for Autism Research”, Mahoor e il suo team hanno presentato alcuni dati incoraggianti: i bambini con disturbi autistici mantengono di più il contatto visivo mentre NAO sta parlando di loro. Tuttavia hanno notato che questi ragazzi tendono ancora a spostare il loro sguardo più spesso del dovuto e hanno dei deficit di attenzione mentre sono loro a parlare con NAO.
Finora Mahoor ed i suoi colleghi hanno lavorato con quaranta bambini nell’arco di circa tre anni e anche se questo non è un campione di studio di grandi dimensioni il fatto che Mahoor stia vedendo un miglioramento in alcuni partecipanti e riceva feedback positivi anche da molti genitori è emozionante.
"Una volta che abbiamo dimostrato in laboratorio che questo  progetto è efficace e fattibile l'obiettivo finale è diventato quello di portare il progetto su una scala più ampia", ha detto Mahoor.

In questi articoli sentiamo spesso parlare di Nao ed è interessante capire in quali modi e soprattutto quali mondi stiano convergendo su strumenti simili. Su questo portale vogliamo raccogliere le diverse esperienze che vengono collezionate dai ricercatori in giro per il mondo per cercare di capire i tentativi e gli errori che sono i binari dell’evoluzione della conoscenza e del progresso.

Articolo di Emily Mullin, commentato e tradotto da Gianluca Pedemonte

tags:

Autismo, NAO